SPONSORIZZAZIONI

Boxe

 

ROUND DOPO ROUND SISAL TRIONFA SUL RING

Siamo alla fine degli anni ’70, la boxe in Italia gode di grande attenzione popolare.

Sisal entra in nuova era di sponsorizzazioni sportive e mette a segno un colpo che risulterà vincente: investe 50 milioni nella scuderia di pugili di Umberto Branchini, la principale dell’epoca. E’ il 1979 quando nasce così Totip Boxing Team.

I primi sono già anni di grandi successi, oltre a molti titoli italiani arrivano le vittorie
europee con Matteo Salvemini, campione dei pesi medi e Lorenzo Zanon, campione dei pesi massimi.

Nel 1980 è proprio un match di Zanon a passare alla storia, un incontro che ancor prima di essere disputato è considerato una grande vittoria per la boxe italiana. È il 3 febbraio, siamo a Las Vegas e il pugile della Totip Boxing Team affronta il leggendario Larry Holmes, sfidandolo per il titolo mondiale dei pesi massimi WBC. Il sudore di ogni colpo, la campanella che annuncia la fine e l’inizio di ogni round, il conteggio deciso dell’arbitro: tutta Italia segue il match in diretta e sostiene il campione italiano gancio dopo gancio e i complimenti arrivano anche dal Presidente Sandro Pertini.

I successi mondiali non tardano ad arrivare: a metà degli anni 80’ Loris Stecca viene
proclamato campione del mondo Super Gallo WBA, un giovanissimo Francesco Damiani vince il titolo supermassimi junior WBC e il pugile sardo Efisio Galici è campione dei welter WBC. Il ring non è l’unico palcoscenico per i boxeur del Totip Boxing Team, protagonisti delle cartoline da loro autografate e distribuite da Sisal nelle ricevitorie.

Video incontro Larry Holmes – Lorenzo Zanon (1980-02-03)

SPONSORIZZAZIONI

Rally

SISAL HA UNA MARCIA IN PIU’ NELLE SPONSORIZZAZIONI

Siamo negli anni d’oro della Formula 1: tra il 1983 e il 1995 la Williams e la McLaren dominano i campionati e due piloti, Alain Prost e Ayrton Senna, corrono per le migliori scuderie del mondo e si contendono il titolo per oltre un decennio. Insieme a queste, anche altre macchine emozionano gli italiani: sono le vetture del Campionato Italiano Rally. Un modo diverso di vivere le corse: la terra sostituisce l’asfalto, la strada diventa un’enorme gradinata e la passione del pubblico è la marcia in più per i piloti. Sisal ha il desiderio di conquistare nuovi orizzonti e vuole farlo dove affiora la passione per lo sport. E così decide di investire proprio nel rally e nel 1982 scende per la prima volta in pista con lo storico Totip Racing Team.

Dal 1983 al 1990 Sisal sponsorizza le più importanti scuderie italiane con le quali colleziona una serie di successi. “Donna al volante, vittoria costante”: Antonella Mandelli e Tiziana Borghi del Jolly Club Racing Team vincono per due anni di fila il campionato europeo rally femminile. Nel 1984 Miki Biasion e Tiziano Siviero si aggiudicano i campionati italiani ed europei, diventando anche protagonisti della campagna pubblicitaria di Totip. Altre vittorie arrivano da Dario Cerrato e Geppi Cerri tra il 1985 e il 1990, anno in cui Sisal decide di cambiare marcia e passare direttamente alla sponsorizzazione dei Campionati Italiani di Rally.

SPONSORIZZAZIONI

Totip Jolly Club Racing Team

Iniziano i mitici anni ’80. L’Italia alza la Coppa del Mondo, la leggenda di Maradona prende vita e gli italiani seguono l’impresa degli eroici fratelli Abbagnale accompagnata dal grido indimenticabile di Giampiero Galeazzi. Negli stessi anni anche Sisal ribadisce la sua vicinanza allo sport e mette ancora in moto la grande macchina delle sponsorizzazioni investendo in tutte le scuderie Jolly Club.
Il team rally è il fiore all’occhiello di questa partnership: per quasi un decennio, il marchio Totip colleziona vittorie in Italia e in Europa. Dalla strada alla pista, dalle quattro alle due ruote; negli stessi anni il team di Moto Enduro taglia altri grandi traguardi, tra cui il campionato mondiale di motociclismo 250 del 1986 e il successo mondiale di Davide Trolli nel campionato 125 del 1987.

Quelli che da sempre sono considerati sport minori regalano grandi soddisfazioni a Sisal: Jolly Club gareggia anche in Formula 3, corre con la Lancia Totip Jolly Club Racing Team nel campionato Endurance e disputa i campionati di motonautica a bordo del Totip Motor Boat Racing Team, con il quale vince il campionato italiano nel 1986.

Non solo in strada, in mare e su terra: il logo Totip arriva anche in cielo, con l’elicottero privato delTotip Jolly Club Racing Team, e sulle maxi affissioni pubblicitarie di Milano nella stazione ferroviaria Centrale e in piazza del Duomo.

SPONSORIZZAZIONI

Giro d’Italia in 60 anni

La guerra è finita da poco, l’Italia è divisa: filomonarchici e filo repubblicani, borghesia e classe operaia. A unire gli italiani è il ciclismo, lo sport più popolare dell’epoca. La gente gremisce le strade per assistere al passaggio dei propri eroi su due ruote. I ciclisti si mescolano con la folla, sfrecciando nelle vie dei piccoli paesi e nelle piazze delle grandi città, coinvolgendo in modo straordinario tutti gli italiani. Più di uno sport, il ciclismo diventa un vero e proprio momento di raduno, di condivisione, di passione.

E ad appassionare tutti è la rivalità tra Bartali e Coppi.
Anche lui è dei nostri” così Sport Italia titola una foto del Campionissimo Fausto Coppi mentre gioca una schedina del Totip in una ricevitoria. È il 1948, anno della prima sponsorizzazione di Sisal del Giro d’Italia.
Un impegno che Sisal rinnova anche nei tre anni successivi e che gli consente di ottenere il Diploma d’iscrizione all’Albo d’Onore del XXXIV Giro Ciclistico d’Italia nel 1952. L’anno seguente è l’ultimo di questa prima striscia di sponsorizzazioni riproposte in seguito nel 1967 e a cavallo del nuovo millennio, con le edizioni 1999, 2003 e 2004 della gara ciclistica più importante del nostro Paese.

SPONSORIZZAZIONI

Canoa

 SISAL IN CIMA ALL’OLIMPO 

Sidney 2000, Australia: nuovo continente, nuovo millennio. 361 atleti italiani viaggiano dall’altra parte del mondo per affrontare i Giochi della XXVII Olimpiadi.

L’Italia si aggiudica 13 medaglie d’oro e a portare in cima all’Olimpo la bandiera tricolore ci sono anche due atleti sponsorizzati da Sisal: Josefa Idem e Antonio Rossi. La Idem, miglior canoista italiana di sempre, vince la medaglia d’oro nel K1 500m con una prestazione che passa alla storia con le parole del celebre telecronista Galeazzi: “Gara stupenda, terribile, effettuata in condizioni atmosferiche impossibili”.

L’impresa di Antonio Rossi, altro grande canoista italiano e campione olimpico, è condivisa con il compagno di pagaia Beniamino Bonomi. I due atleti dominano la gara del K2 1000 m, tagliando il traguardo con le braccia rivolte al cielo.
Sisal rimane al fianco dei due atleti per circa dieci anni (dal 1998 al 2008), un matrimonio che porta alla luce nuove vittorie: tra cui un argento per entrambi i canoisti ad Atene 2004 e il prodigioso secondo posto della Idem, alla straordinaria età di 43 anni, a Pechino 2008.

L’ultima impresa di Josefa Idem è la partecipazione a Londra 2012, con cui diventa l’atleta femminile con più Giochi olimpici disputati in assoluto.

SPONSORIZZAZIONI

Sanremo

E’ TUTTA UN’ALTRA MUSICA 

Il 1983 si apre sui passi di danza più famosi della storia, Michael Jackson presenta l’album Thriller e meraviglia il mondo con il suo moonwalk. Altre movenze, questa volta nelle sale cinematografiche, sono quelle di Flashdance, che vince l’Oscar per la Miglior Canzone con “What a Feeling”.
La musica in Italia ha come sempre un grande palcoscenico: il Festival di Sanremo. E in occasione della sua 33a edizione, Sisal si lega ad esso con la prima sponsorizzazione televisiva della sua storia.
Un’idea che si rivela subito vincente. In via del tutto sperimentale, parallelamente alla classifica ufficiale, viene stilata una seconda graduatoria con i voti popolari collegati al concorso Totip. È L’italiano di Toto Cutugno, singolo che venderà milioni di copie in tutto il mondo, a vincere grazie alla giuria popolare , riconoscimento che lo renderà più famoso del brano di Tiziana Rivale, primo classificato nella graduatoria ufficiale.
L’innovazione ideata da Sisal cambia di fatto le regole del Festival di Sanremo.
Nel 1984, dopo il successo di questa iniziativa, il sistema Totip diventa il meccanismo ufficiale di voto per la sezione dei “Big”. Sistema che dona ai vincitori premi speciali, come il cavallo “Totip” o una tipica macchina dell’epoca: l’Alfa Arna. Ad aggiudicarsela il primo anno sono Al Bano e Romina, che vincono Sanremo con “Ci sarà”.
Nel 1989 vince “Ti lascerò” di Anna Oxa e Fausto Leali. Il titolo sembra presagire la fine del connubio tra Festival di Sanremo e Totip, che dopo 7 edizioni lascia infatti il palcoscenico dell’Ariston. Sisal negli anni, oltre ad aver cambiato il sistema di voto, porta importanti novità, come i concorsi “Due Voci per Sanremo” e “Sanremissimo” con cui i giocatori Totip possono scegliere i cantanti da far partecipare al Festival o votare la “Regina” tra le più famose canzoni delle passate edizioni. Stessa formula per l’iniziativa del 1986 “Vetrine di Sanremo” che fa divertire e allo stesso tempo vincere i giocatori Totip. Lo scopo del gioco è esprimere sul retro schedina la propria preferenza per il cantante più simpatico, la canzone con le parole più belle e la migliore voce. A vincere sono rispettivamente Renzo Arbore, Eros Ramazzotti con “Adesso Tu”, e Anna Oxa.

Un’altra competizione che gode di buona notorietà in quegli anni è “Sanremo Rock“, concorso che rende protagonisti, ancora una volta, gli scommettitori Totip.
La dinamica di voto è la stessa, a cambiare è il gioco. In questa occasione, nelle mani del voto popolare, ci sono infatti dodici rock band italiane che vogliono aggiudicarsi la partecipazione al Festival. La classifica regala a tre di loro il sogno di salire sul palco dell’Ariston: sono gli Avion Travel, i Walhalla e il quartetto De Novo.

Approfondimenti
SPONSORIZZAZIONI

Sisal sul piccolo schermo

Nell’anno in cui Nintendo debutta sugli scaffali con la sua prima console, un altro gioco appassiona gli italiani sullo schermo delle TV: è Superflash, quiz condotto da Mike Bongiorno su Canale 5.
Sisal sponsorizza nel 1983 la seconda edizione del programma e come per Sanremo, rende la schedina Totip protagonista. Nel gioco dell’Inchiesta, una delle tre prove di Superflash, si può infatti partecipare ai risultati dei sondaggi attraverso le schede del Totip, dando così la possibilità a chi viene estratto di ottenere un premio in argento pari al proprio peso. A vincere, con i suoi 78 chili trasformati nel prezioso metallo, è Vincenzo Nuvoloni di Spotorno, che si aggiudica una somma pari, all’epoca, a circa 40 milioni di lire. Grazie anche a questa iniziativa, Superflash realizza il suo record di ascolti:
a seguire la seconda puntata sono ben 14.536.000 spettatori.

L’esperimento vincente di Superflash convince Sisal a investire nuovamente in un programma televisivo: ed è così che nel 1987 sceglie di sponsorizzare il Gran Premio Internazionale dello Spettacolo, condotto dallo stesso Mike Bongiorno. Lo slogan “Gioca Totip e vota il tuo programma preferito” accompagna il concorso lanciato da Sisal sulla rivista TV Sorrisi e Canzoni: è possibile votare il proprio programma o personaggio televisivo più gradito compilando una cartolina allegata alla schedina Totip inserita nel settimanale che deve essere poi consegnata a una ricevitoria Sisal. Ancora una volta, il Totip diventa lo strumento per creare una giuria realmente popolare.

SPONSORIZZAZIONI

Corri cavallo

TOTIP ARRIVA IN EDICOLA

“Furia cavallo del west che beve solo caffè”. Siamo a fine anni ’70 e tutti i bambini d’Italia cantano la sigla della famosa serie. Nello stesso periodo, altri cavalli diventano protagonisti in tutte le edicole del nostro Paese, sono quelli raccontati nel libro Corri Cavallo. Lo sport, il gioco pubblicato da Sisal.

I disegni di Piero Ventura, illustratore milanese conosciuto in tutto il mondo, e le parole di Gian Paolo Caserani, giornalista, pubblicitario e scrittore, raccontano le gesta dei cavalli più famosi della storia.

A Natale dello stesso anno in una locandina si legge: “Un meraviglioso regalo per i piccoli amici del cavallo”. Viene realizzata un’edizione completamente dedicata ai bambini, tutta da colorare, con otto stupende tavole a colori.

SPONSORIZZAZIONI

Matchpoint

CON MATCHPOINT LE SCOMMESSE SCENDONO IN CAMPO: IL RITORNO ALLE ORIGINI 

Il nuovo millennio regala agli italiani grandi sfide sportive: L’Italrugby partecipa per la prima volta al Sei Nazioni, gli azzurri di Zoff si fermano a un passo dal sogno di Euro2000 e alle Olimpiadi di Sidney gli atleti italiani conquistano 13 ori, 8 argenti e 13 bronzi.
La sfida per Sisal si chiama Matchpoint, il più importante network italiano delle scommesse, una rete capillare di agenzie specializzate in scommesse ippiche e sportive, con i 146 punti vendita appartenenti alla Spati, ”consorella” della Sisal.
La stessa Sisal, con l’acquisizione definitiva di Matchpoint nel 2004, inizia un nuovo ciclo. Una seconda giovinezza che riparte da quello che è stato il suo primissimo amore, la passione che è alla base della nascita del marchio: il calcio. Negli anni successivi, Sisal Matchpoint firma infatti una serie di sponsorizzazioni con le quattro più importanti squadre di calcio: Milan e Inter dal 2005 al 2007 e attualmente Roma (dal 2015) e Juventus (dal 2016). Sisal coinvolge club e giocatori per le proprie iniziative di comunicazione, lanciando nuovi servizi (app e betting su mobile) e promozioni per il mondo delle scommesse.

SPONSORIZZAZIONI

Fare squadra con Sisal

Negi anni, Sisal, attraverso numerose iniziative di sponsorizzazione, rafforza la propria presenza nel mondo dello sport. Sostenerlo, per il marchio, significa posizionarsi al fianco di tutte le persone, non solo atleti e pubblico. È proprio dando valore alle “sue” persone che il logo Totip finisce su tutte le maglie dei ricevitori Sisal, le persone da sempre più importanti per il successo dell’azienda, che organizzano veri e propri tornei di calcio, pallacanestro, pallavolo, tennis e perfino biliardo. Le formazioni sono le più svariate, da bambini ai ragazzi, fino agli adulti, e le migliori vengono premiate con un gagliardetto.

Un’iniziativa che negli anni ha la capacità di aggregare i ricevitori, offrendo un momento di condivisione e di divertimento.
Dopo gli esperimenti con i singoli club, dal 2009 Sisal decide di diventare sponsor e sostenitrice dello sport in senso più ampio attraverso il logo Matchpoint. Sostiene quindi diverse federazioni: Lega Basket, Lega Pallavolo, Lega Pallanuoto e Federazione Italiana Rugby per il campionato Super10. Arrivano più tardi, tra il 2012 e il 2014, le sponsorizzazioni del Curs Verona Rugby, con il marchio Win For Life, e del Varese Basket con Eurojackpot come top sponsor.

SPONSORIZZAZIONI

Non solo sport

Sisal sceglie di sostenere la ricchezza del patrimonio artistico italiano attraverso grandi eventi e manifestazioni di rilievo che hanno reso fruibile al pubblico l’inestimabile Arte italiana. Il nuovo millennio si apre con la sponsorship della mostra “Novecento Arte e Storia in Italia” presso le Scuderie Papali del Quirinale. Sisal rende omaggio, come azienda nata nel 900′, ai protagonisti dell’arte e della storia del secolo appena concluso. Solo un anno più tardi, la mostra “Rinascimento” conferma il ruolo del marchio come parte integrante delle iniziative più prestigiose del nostro Paese, tra cui la mostra organizzata da The Solomon R. Guggenheim a Roma nel 2005. Tra i vari progetti, nel 2009 il brand partecipa anche alla nuova stagione del Teatro Grassi, sede storica del Piccolo Teatro fondato nel 1947 e restituito a Milano dopo due anni di restauri.
Il teatro diventa a tutti gli effetti la “casa” di Sisal, oltre che sede di eventi dedicati al marchio: dalla presentazione del Rapporto Sociale alla serata Play Jazz con il Maestro Enrico Intra, in occasione della XIV Settimana della Cultura d’Impresa organizzata da Museimpresa.

Con questo investimento si sostiene il ruolo cruciale svolto dal Piccolo Teatro nella formazione e diffusione della cultura teatrale anche presso i pubblici più giovani. Come sostiene l’AD di Sisal, Emilio Petrone, l’obiettivo condiviso è “avvicinare e formare i giovani al teatro, all’arte e alla cultura, stimoli che contribuiscono alla formazione personale dell’individuo, alla sua crescita e, soprattutto, che favoriscono la socializzazione”.

Boxe
Rally
Totip Jolly Club Racing Team
Giro d’Italia in 60 anni
Canoa
Sanremo
Sisal sul piccolo schermo
Corri cavallo
Matchpoint
Fare squadra con Sisal
Non solo sport